Blog Post

Coworking e Uffici

WeWork chiude il secondo trimestre del 2021 con un rosso da 888 mln di $ 

WeWork chiude il secondo trimestre del 2021 con un rosso da 888 mln di $

Gli spazi di lavoro in coworking gestiti da WeWork soffrono ancora il Covid. La società, che sta per aprire uno dei suoi uffici a Milano, ha infatti chiuso il secondo trimestre del 2021 con una perdita di 888,85 milioni di dollari. Nonostante la forte richiesta di spazi di lavoro condivisi, il Gruppo americano continua a registrare pesanti perdite in bilancio.

Le entrate nel periodo sono state pari a 593,48 milioni di dollari, in calo del 32,7% rispetto a un anno fa e in calo rispetto ai 598 milioni del primo trimestre. L’EBITDA rettificato è stato negativo per 449 milioni di dollari. La perdita netta è stata pari 888,85 milioni di dollari, rispetto a -863,83 milioni nello stesso periodo dell’anno precedente e al rosso da 2,06 miliardi nel primo trimestre.

Negli scorsi mesi la società ha annunciato che si quoterà a Wall Street tramite la fusione con una Spac, BowX Acquisition Corp, in un’operazione che la valuterà circa 9 miliardi di dollari. Questo è il secondo tentativo di sbarco a Wall Street, dopo il fallimento del 2019 che fece sprofondare la sua valutazione e portò a una pesante ristrutturazione e al cambio del management (con l’allontanamento del co-fondatore e CEO Adam Neumann).

Related posts